menu
| 2068 views
| 4 min

Più intelligenti con gli occhiali!

Non è solo uno stereotipo. Secondo uno studio recente gli occhiali da vista fanno sembrare chi li indossa mediamente più intelligente e preparato degli altri.

| 4 min
Più intelligenti con gli occhiali!

La forza di uno stereotipo

Uno stereotipo è una concezione precostituita con la quale valutiamo in maniera meccanica e generalizzata persone, avvenimenti e situazioni senza considerare di volta in volta il singolo caso.

Si può basare sulla razza, sul genere, sull’età o addirittura sulla forma e l’espressione del volto e ha l’innegabile potere di condizionare l’opinione che ci facciamo degli altri.

La maggior parte di noi sa bene che si tratta di un giudizio semplicistico e perciò potenzialmente sbagliato, ma farne a meno è difficile, perché uno stereotipo è spesso parte della nostra cultura e della nostra educazione: la sua rigidità e la larga condivisione sono, in fondo, rassicuranti.

Il rischio che tutto ciò possa influenzare erroneamente valutazioni “di peso”, come quelli espressi da giudici e giurie nei processi, ha spinto l’università di Vienna a uno studio scientifico sul tema, interessante, anche se dall’esito forse scontato.

intelligenti occhiali

Lo stereotipo: più intelligenti con gli occhiali?

Gli esperti viennesi hanno sottoposto settantotto ritratti fotografici a un gruppo di persone, chiamate a “classificare” i volti riprodotti, sulla base di un certo numero di “prerogative”, tra cui l’avvenenza, l’intelligenza e l’affidabilità.

Ebbene le persone che indossavano occhiali da vista sono state giudicate – con percentuali a dir poco bulgarepiù intelligenti e meno attraenti delle altre.

Noi che viviamo circondati dall’estetica nerd – diventata fashion grazie a occhialuti di grande successo come Bill Gates, Steve Jobs, Mark Zuckerberg – un po’ lo sospettavamo, ma il dato scientifico è sempre convincente.

Pare così che alcuni, sostenitori incalliti delle lenti a contatto, siano disposti a sostituirle con gli occhiali da vista quando si recano a un colloquio di lavoro, mentre altri, del tutto privi di difetti visivi, siano disponibili a investire su una montatura con semplici lenti trasparenti pur di apparire più colti e preparati.

La ricerca ha però anche rivelato che la presenza degli occhiali conferirebbe a un volto una maggiore affidabilità, nonostante montatura e lenti “nascondano” una parte dell’espressione facciale (zona perioculare, zigomi, linea delle sopracciglia), altrettanto importante dello sguardo per configurare la “prima impressione” sulla personalità altrui.

Chi porta gli occhiali, insomma, appare meno bello, ma più intelligente, colto, fidato.

Occhiali e ritratti artistici

Uno stereotipo, si sa, ha spesso origini lontane. E l’arte è lì a testimoniarlo.

Da quando gli occhiali da vista hanno fatto la loro comparsa, molti personaggi di rango che li avevano adottati stabilmente si sono fatti ritrarre senza di essi con l’intento di apparire più avvenenti o di ringiovanirsi.

Altrettanto vero è però il contrario. Sono diversi, infatti, i volti immortalati con gli occhiali, proprio perché essi conferivano prestigio o saggezza.

Nel Seicento Jusepe de Ribera detto Lo Spagnoletto realizza un famoso Ritratto di un cavaliere dell’Ordine di Santiago; questo membro dell’esercito e dell’aristocrazia di corte appare fiero e imponente dietro i suoi occhiali.

intelligenti occhiali

Altrettanto saggia e acuta sembra la “madre” dei famosi Quattro personaggi di Murillo, dipinta nell’atto di togliere i pidocchi dalla testa di un marmocchio sdraiato. La scena è allegra, nel complesso, ma gli occhiali dalla montatura nera su quel volto di donna – presumibilmente presbite – le conferiscono attenzione e serietà.

Dal quel momento in poi gli occhiali – apparsi in precedenza sul volto di apostoli e profeti -finiscono per delineare la figura del filosofo, del medico e del chirurgo, rimarcando ancora una volta saggezza, studio e approfondimento.

Lo stereotipo dunque viene da lontano e resiste. I quattr’occhi sono persone delle quali, in genere, ci si può fidare. Del resto, Ghandi e il Dalai Lama portano gli occhiali.



Argomenti più letti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi promozionali in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque altro elemento della pagina, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.